venerdì 27 novembre 2009

dolcetti di Chelsea (ovvero Chelsea buns)


A richiesta riecco i dolcetti di Chelsea, postati sul blog qualche tempo fa con il titolo sbagliato di "briosce di chelsea",che credevo essere appunto il titolo della ricetta. Questo errore ha determinato in me delle aspettative sbagliate circa la consistenza che avrebbero dovuto avere queste briosce, anzi questi dolcetti; eh si, perchè per quanto mi riguarda tra dolcetti e briosce c'è una bella differenza. A questo poi si aggiunga che girando e rigirando tra mille ricette scopro l'esistenza dei così detti chelsea buns e mi si apre un mondo. Ora, se effettivamente la mia ricetta dei dolcetti di chelsea altro non è che una delle mille varianti dei famosi panini di Chelsea mi convinco sempre più che la loro consistenza "panosa" non è soltanto giustificata ma anche intrinseca alla preparazione stessa .
Intendiamoci, queste sono considerazioni che soltanto il mio esasperato ipercriticismo in tema di lievitati ha saputo elaborare; il mio piccolo comitato di degustazione ha letteralmente divorato questi dolcetti (questi buns), senza capire assolutamente su cosa così pedantemente stessi disquisendo invece di riempirmi la bocca con queste delizie.
La questione Chelsea bun è sicuramente da approfondire e mi scuso con i miei pochi lettori (come direbbe il Manzoni) se più volte ho riscritto il post in questione, in quanto aggiornato a seguito dei maggiori approfondimenti conseguiti sul tema.
Va bene, basta parlare, è tempo di mettere le mani in pasta.

impasto:

  • 625 g di farina oo

  • 350 g di burro

  • 4 cucchiai di zucchero

  • 1 uovo

  • 25 g di lievito di birra

  • 90 gr di acqua

  • q. b. di cannella e noce moscata

  • 1 pizzico di sale

farcia:

  • 150 g di burro

  • 120 g di zucchero di canna

  • 100 g di uvetta

  • 100 g di cedro candito

per lucidare:

  • 3 cucchiai di acqua

  • 2 cucchiai di zucchero

Preparate il lievito con l'acqua tiepida e un cucchiaino di zucchero. Lasciate riposare 10'.

Setacciate la farina e unite il burro creando uno sfarinato. Fate la fontana, versate al centro il lievito, l'uovo sbattuto e il sale per ultimo (dopo che il lievito avrà assorbito un pò di farina). Impastate per una decina di minuti ripiegando l'impasto più volte verso di voi facendo fare ogni volta un quarto di giro. Lasciate lievitare l'impasto in una ciotola coperta con della pellicola trasparente ( il mio impasto ha impiegato 3h). Senza lavorarlo troppo dividete l'impasto in due parti uguali e ricavate da ciascuna due rettangoli 30x40. Spennellate 75 g di burro per rettangolo e distribuite su ciascuno di essi 60 g di zucchero di canna. Farcite con l'uvetta e il cedro e arrotolate il rettangolo a partire dal lato corto. Tagliate il rotolo così ottenuto in fette da 2 cm e ponetele in una teglia rivestita con carta forno. Lasciate lievitare 30' e infornate a 175° per 20' circa. Appena sfornate spennellate le brioche con dello sciroppo ottenuto ponendo sul fuoco l'acqua con lo zucchero.

(tratto da: oggi cucino io)

5 commenti:

steval ha detto...

Che belle queste brioches brava

emilia ha detto...

Tra queste e quelle appena sotto !! Che meraviglia !!
Buona settimana :-)

Valentina ha detto...

buoniiiiiiii!!!! mi poiacciono un sacco li trovo solo negli hotel belli purtroppo!!! gnam gnam...adesso ho famre!!

Anonimo ha detto...

Belli!!! Questi mi inspirano tantissimo!
Ciao,
Orchidea
www.viaggiesapori.blogspot.com

Anonimo ha detto...

buone queste girelle, mi ricorda il sito della merendina, www.girellablog.com che ho visto poca fa...sai che c'è pure un concorso per vincerne?