martedì 28 aprile 2009

CALAMARATA CON SEPPIE AL TEGAME


In fatto di cucina noi italiani abbiamo davvero poco da imparare dagli altri. Indubbiamente mi piace e mi diverte cimentarti in dolci o quiche che non appartengono alla nostra tradizione, ma oltre non vado e a mio modesto parere non ha neanche senso andare. Tanto per fare un esempio parliamo della famosissima Donna Hay; le sue ricette in tema di dolci & co. sono indubbiamente piacevoli e golose, più di una volta mi sono trovata nell'imbarazzo della scelta; la stessa cosa non mi capita con altri tipi di pietanze, pochissime sono state le proposte della Hay in tema di primi o secondi che abbiano catturato la mia attenzione, e questo anche quando la stessa reinterpreta classici della nostra cucina. Probabilmente questo mare nostrum influenza troppo i miei gusti ( non a caso amo anche la cucina Spagnola e Greca), probabilmente qualcuno dirà che sono limitata, ciò nonostante se volete farmi felice portatemi a mangiare pasta e fagioli in una bettolaccia piuttosto che schiumette in un ristorante chic.
A suggello di quanto detto ecco per voi una bella ricetta Sannita, un primo buono e sincero per chi sa ancora cosa vuol dire mangiare bene.
  • 1 kg di seppie
  • 300 g di pelati
  • origano
  • aglio
  • prezzemolo
  • sale
  • olio d'oliva

Soffriggete nell'olio l'aglio ed elimenatelo appena imbiondisce. Aggiungete i pelati e lasciate cuocere. Unite le seppie pulite e tagliate a listarelle, agiustate di sale, cospargete di origano e lasciate cuocere 30' circa, senza lasciar asciugare completamente (aggiungete un pò di acqua calda se necessario). Unite il prezzemolo e la pasta cotta al dente, saltate qualche istatnte e togliete dal fuoco.

8 commenti:

dolci chiacchiere ha detto...

io penso che come in Italia non si mangia da nessuna parte....anche se quando sono in vacanza all'estero assaggio di tutto sono felice di tornarmene a casa e mangiare "italiano".la tua ricettina è da leccarsi i baffi.Ciao katia

manu e silvia ha detto...

Hai ragione: la pasta, ad esempio, come la si fà in italia, non ha proprio paragoni!
buonissima questa calamarata! mette volgia di un piatto eprsino a quest'ora!
bacioni

panettona ha detto...

concordo con tutto quello che dici anche se qualche schiumetta in un ristorate chic almeno una volta mi piacerebbe provarla :-D
ottimo piatto!!!
bacio!

stefi ha detto...

Che primino invitante!!!!!!
Da rifare sicuramente!!!!!
Ho pensato a te per due premi, se vuoi puoi passare da me a ritirarli.
Ciao e buona giornata.

sciopina ha detto...

Mi sto nutrendo solo di pesce..questi primi cosi' invitanti sono una delizia...

soleluna ha detto...

Da svenire dalla bontà brava! felice weekend Luisa

Anonimo ha detto...

Oh mamma mia che fame... buonissima questa pasta!
Ciao.
Orchidea
www.viaggiesapori.blogspot.com

Gunther ha detto...

anche sono cosi preferisco la cucina tradizionale, questa ricette la volgio provare è semplica ma penso molto buona