sabato 30 gennaio 2010

ZUPPA DI CAVOLO NERO (la zuppa dei perchè)

Ancora la toscana sulla mia tavola con la più classica delle zuppe, quella al cavolo nero. Di questa ricetta ovviamente esistono innumerevoli varianti, io ho attinto un pò di qua un pò di là, lasciandomi guidare sopratutto dalla volontà di utilizzare esclusivamente prodotti di stagione; perchè sono gli ingredienti perfetti per questo tipo di preparazioni; perchè è giusto in tavola seguire le stagionalità (anche da un punto di vista economico); perchè queste zucchine nelle zuppe invernali proprio non si possono vedere.

  • 500 g di cavolo nero (pulito)

  • 500 g di fagioli cannellini

  • 2 pelati

  • aglio

  • salvia

  • 1 porro

  • 1 costa di sedano

  • olio d'oliva, sale
per la cottura dei fagioli vi rimando al procedimento indicato qui.
Preparate un trito con il sedano ed il porro e ponetelo in una casseruola con l'aglio intero (sbucciato e schiacciato), i pomodori pelati e e l'olio d'oliva; lasciate rosolare qualche minuto. Aggiungete il cavolo nero ridotto in striscioline, lasciatelo appassire in pentola e allungate con l'acqua di cottura dei fagioli e tanta acqua quanto basta per ottenere una zuppa piuttosto brodosa; lasciate cuocere per 30 minuti circa (aggiungendo un pò di acqua bollente se dovesse ascigare troppo). Dieci minuti prima di ultimare la cottura corregete di sale e aggiungere i fagioli. Servite la zuppa calda con un filo di olio a crudo.

2 commenti:

NUVOLETTA ha detto...

giusta giusta per il freddo!

miciapallina ha detto...

Oibò!
Fatto bene!
Semplice, diretta e senza orpelli, proprio come la Zuppa che amo io!
Questa te la copio subito, con la remota speranza che il mio fruttiverdurovendolo mi ritrovi il prezioso cavolo nero prima della fine del freddo!
E poi... per una, come me, che sta per rimettersi a super dieta, questa ci vuole davvero!
nasinasiprofumati