venerdì 5 marzo 2010

TORTA DI VERZA E PANE


Qualche tempo fa Vale mi ha invitato a partecipare alla sua raccolta "antispreco" cui aderisco con molto piacere perchè se c'è una cosa che mi sa di male buttare è proprio il pane. Il fatto è che la mente a volte sviluppa strane suggestioni che ti accompagnano per tutta la vita, ed io proprio non saprei come giustificare questo brutto gesto di buttare il pane con i mangiatori di patate di Van Gogh.

  • 190 g circa di pane raffermo a fette
  • 1/2 verza
  • 3 pomodori
  • 65 g di formaggio a pasta dura grattuggiato (più due manciate per la guarnizione)
  • 2 manciate di pan grattato
  • 4 uova
  • 100 ml di panna
  • sale e pepe

In una ciotola amalgamate le uova con la panna ed inzuppatevi le fette di pane. Rivestite uno stampo a cerniera, di 22 cm di diametro, con la carta da forno prima (bagnata e strizzata) e le fette di pane poi. Infornate a 200° per 6- 7 minuti e sfornate senza spegnere il forno. Rosolate in una padella con poco olio la verza ridotta in striscioline. A fine cottura mescolate la verza con le uova e con i 65 g di formaggio grattugiato. Regolate di sale e pepe e versate il composto nello stampo rivestito con il pane. Distribuite sulla superfice della torta il pomodoro tagliato a fette e condite con un filo d'olio, il pangrattato e il restante formaggio grattugiato. Infornate a 180° per 50' circa.

(La ricetta originale, tratta da sale&pepe, prevede l'uso delle zucchine.)

3 commenti:

Aiuolik ha detto...

Bellissima questa torta di pane! E w la raccolta anti-sprechi!

Ely ha detto...

stò scoprendo modi nuovi e gusto per cucinare la verza è questa ricetta è una di quelle! ciao Ely

manuela e silvia ha detto...

Ciao! proprio buona anche la versione con la verza..anzi, forse ancora meglio! sicuramente scenografica e ricercata!!
un bacione