martedì 14 settembre 2010

SEDANI CON TRIGLIE, ZUCCHINE E POMODORI


Sfatiamo qualche pregiudizio che riguarda il pesce; cucinarlo è facile, occorre poco tempo ed un minimo di esperienza. Le mie origini Campane mi impongono di trattare il pesce come una preziosa materia prima da manipolare il meno possibile. Con l'eccezione di alcune ricette della tradizione siciliana, che richiedono preparazioni più articolate, nella stragante maggioranza dei casi io seguo la scuola di pensiero di chi ritiene che con il pesce meno si fa maggiore è il risultato. Ecco i motivi per i quali proprio non mi piace mangiare il pesce in Romagna; troppo pasticciato con salse e salsette, troppo unto da pesanti impanature. Un piatto a base di pesce deve sapere di pesce, nulla di più nulla di meno.
  • 400 g di sedani
  • 8 filetti di triglia
  • 300 g circa di pomodorini
  • 2 zucchine
  • aglio
  • oilo, sale e pepe
In una padella rosolate i filetti di triglia (1 minuto per lato) in 4 cucchiai di olio. Togliete i filetti e nello stesso olio soffriggete l'aglio schiacciato. Unite i pomodorini tagliati a dadi e quando saranno quasi cotti aggiungete le zucchine tagliate a rondelle. Salate, pepate e lasciate cuocere le zucchine. Aggiungete al pomodoro e alle zucchine i filetti di triglia e dopo qualche istante saltate il tutto con la pasta scolata al dente.

4 commenti:

emilia ha detto...

Il pesce purtroppo lo cucino poco, ai bambini piace di più addentare un pezzo di carne, è sbagliato lo so. Quando ci capita di prepararlo lo maneggiamo poco anche noi.
Buona la tua pasta, ottimo il tipo di pasta scelto.
Buona serata :-)

Luciana ha detto...

Ciao Sara, bravissima cara...sono buonissimi, adoro i piatti di pesce!!! buona giornata tesoro, un bacio :-))

Gunther ha detto...

devo dire ch eè un modo originale per portare in tavola le triglie

Sara ha detto...

Prossimamente spero di riuscire a postare la ricetta della pasta con il pesce spada, sono sicura che la troverete molto interessante.
Grazie a tutti.