giovedì 25 novembre 2010

FROLLINI ALLA CAROTA (la teoria del meglio senza che con)

Non è la prima volta che mi pronuncio su questo blog a favore dell'esemplificazione di certe ricette che appaiono fin dalla prima lettura troppo cariche di ingredienti; una convizione questa che con il tempo è divenuta prima un' abitudine per poi passare ad essere consacrata nella teoria del "meglio senza che con". Questi frollini alla carota della Chovanova avrebbero dovuto essere realizzati con una bustina di zucchero vanigliato ed un cucchiaino di zenzero in polvere, con buona pace della nostra carota rilegata così al ruolo di semplice comparsa. Grazie alla teoria del "meglio senza che con" fortunatamente ciò non è accaduto ed ho così preparato dei frollini effetivamente al sapore di carota, di per sè già particolari senza l'aggiunta di zenzero o zucchero vanigliato. Quest'ultimo ingrediente è in realtà del tutto assente nella mia dispensa data la mia avversione per gli aromi artificiali. Con il tempo ho imparato a prendere le distanze anche dalla vanillina per quel retrogusto chimico che lascia nella bocca, sopratutto nella preparazione della frolla. Meglio dunque utilizzare direttamente le stecche di vaniglia i cui prezzi proibitivi spingono molti ad acquistarne in quantità su internet.
  • 220 g di farina 00
  • 150 g di burro
  • 80 g di zucchero
  • 170 g di carote grattugiate
  • 1/2 bustina di lievito per dolci

Lavorare il burro e lo zucchero fino ad ottenere un composto morbido. Aggiungere le carote grattugiate, la farina ed il lievito. Lavorare gli ingredienti fino ad ottenere un impasto liscio. Avvolgere l'impasto nella pellicola e lasciare riposare in frigo. Stendere l'impasto, ritagliare i biscotti e disporli su una placca rivestita con carta forno. Infornare a 180° per 12 minuti circa.

8 commenti:

Stefania ha detto...

Che bella la tua idea di meglio senza che con a volte è davvero utile fare così !! non avevo mai visto dei biscotti alla carota bella idea , ciao

BreadandBreakfast ha detto...

concordo in pieno :) vade retro vanillina e viva il motto less is more, incluso tutti quegli strani ingredienti che stanno girando nel web :) e questi li provo assolutamente! :)

Giulia dans le noir ha detto...

Ti seguo appieno nella logica del "meglio senza che con"... spesso ho letto 8e anche fatto, lo confesso) ricette tanto infarcite di ingrediente da non avere un loro sapore proprio.
Adoro l'uso della carota nei dolci e i tuoi frollini sono una bontà! Li faccio al più presto.
Un abbraccio

ps: Ne approfitto per invitarti alla mia raccolta 'madeleines mon amour' Grazie e ancora un abbraccio

manuela e silvia ha detto...

Ciao! molto particolari i frollini! con le carote siamo più abituate a vedere soffici dolci o ciambelle, ma anche questi sono davvero una particolarissima alternativa!
bacioni

terry ha detto...

Condivido il tuo pensiero!!! a volte ci si metton così tante cose che nessun gusto è valorizzato! ben fatto con questi frollini! invitanti e sicuramente gustosi! :)

Nene ha detto...

brava!!! La vanilina avrebbe appiattito tutto, approvo e hanno una forma adorabile!!

Federica Rossi ha detto...

Scusa se approfitto dello spazio dedicato ai commenti, ma ti ho conferito il premio Sunshine Award. Sul mio blog le motivazioni

SaraSava ha detto...

E' un ottima idea se vuoi far mangiare un po di ortaggi ai bambini senza che se ne accorgano. Lo faccio spesso con i miei nipotini. :-)